Pisa, Flavia e una reflex. Travel tour fotografico.

Non ho mai dato regole alla mia reflex. Le ho sempre detto "Andiamo, vediamo, scattiamo"

 

Il 25 aprile ho stupito la mia reflex. Usciamo di buon mattino per un'altra giornata di scatti, di foto non pensate ma pronte a essere realizzate sotto la guida dell'ispirazione del momento e di quell'occhio fotografico che sa indicarmi (bene, spero wink) cosa immortalare e quando.
Raggiungiamo la stazione, saliamo sul treno e io, che le parlo come alla fedele compagna di mille avventure come in effetti è, chiedo alla mia reflex: "Tu immagini cosa ti porto a fotografare oggi?"
No, non lo immagina: "Liguria, of course"
"In effetti ho un canale Instagram dedicato alla Liguria e la gireremo in lungo e in largo. Ma, oggi, ho una sorpresa. Il treno ci porterà oltre… A Pisa!"
La curiosità è molta. È un mio sogno che si realizza. Da tempo sognavo di trovarmi a tu per tu con la Torre di Pisa
E il 25 aprile 2017 ho realizzato il mio sogno smiley
 
 
pisa-flavia-cantini
 
Mentre scendo a Pisa Centrale quasi non me ne rendo conto. È come quando accade qualcosa che immaginavi da moltissimo tempo e, ora, non riesci a credere che sia arrivato il momento in cui si avvera nella realtà.
Esco dalla stazione e mi dico "Ecco. Ora sono qua. È tutto vero". Ma non ho fretta, voglio godermi questo sogno istante per istante.
La mia meta è, non l'ho già detto?wink, Piazza dei Miracoli ma mi avvio con calma lungo Corso Italia, la via principale, tra negozi di ogni tipo e mi attardo a guardare le vetrine e ad assaporare il clima cittadino.
Mi ritrovo poi in Piazza dei Cavalieri che mi piace molto. Una piazza storica con la famosa Scuola normale superiore di Pisa.
"Reflex, vuoi scattare?" Detto, fatto.
 
pisa-flavia-cantini
 
Arrivo poi sul Lungarno e, che dire, meraviglia! Voglio davvero che sia la mia reflex a parlarne con queste due immagini.
 
pisa-flavia-cantini
 
pisa-flavia-cantini
 
Cammino ancora per le vie del centro, passeggio senza fretta mangiando un panino al volo. Pisa mi conquista subito e so che il meglio deve ancora venire.
Ho, infatti, un appuntamento con una certa torre e una certa piazza che desidero ammirare da anni.
Quando arrivo davanti alle mura che la circondano un sorriso mi compare spontaneamente sul volto.
Mi sembra di incontrare una vecchia amica.
La torre pendente è lì, di fronte a me e si staglia imponente e unica come l'avevo sempre immaginata.
Quasi non mi accorgo della folla di turisti che si scatta raffiche di selfie, è un momento tutto mio, ora sono davvero a tu per tu con una piazza che comprendo bene come mai si chiami "dei Miracoli".
La mia reflex ha pane per i suoi denti.
 
pisa-flavia-cantini
 
Sto provando a presentare ciò che non ha bisogno di presentazioni. Veri capolavori dell'arte e architettura italiana.
Rimango seduta un'ora proprio di fronte alla torre, semplicemente la ammiro.
 
 
pisa-flavia-cantini
 
Un'altra ora la spendo seduta nel prato di fronte al Duomo e al Battistero. In una piazza simile il tempo passa diversamente, è come entrare in un'altra dimensione di pura e rara bellezza.
E ci sarà un motivo per cui ho perso il treno prenotato per il ritorno! 😀
 
 
pisa-flavia-cantini
 
Bene, amici lettori, questa è stata per me Pisa. Un sogno e un'emozionesmiley Spero di avervi trasmesso un pò di quell'emozione e ora vi saluto con un'altra immagine della torre "a modo mio" wink
 
pisa-flavia-cantini
 
Io e la reflex abbiamo in programma un nuovo tour fotografico. Nel frattempo, potete ammirare le nostre foto anche su Flickr wink
 
Alla prossima!
 
 
 

2 thoughts on “Pisa, Flavia e una reflex. Travel tour fotografico.

  1. Petra Trivilino Reply

    Complimenti alla reflex e a chi c'è dietro! Le foto belle, professionali e precise. In attesa del prossimo articolo!

    Petra Trivilino

    • Flavia Cantini Post authorReply

      grazie mille! Mi fa molto piacere ti siano piaciute 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *